Mutuo tasso variabile: ulteriore stangata

Non c’è pace per chi ha acceso a suo tempo un mutuo a tasso variabile, le ultime notizie parlano infatti di un ulteriore aumento del tasso di riferimento Euribor, che avrà l’effetto immediato o quasi si far alzare il tasso variabile dei mutui, che a questo parametro è appunto ancorato.

Mutui tasso variabile

Questo ulteriore aumento, farà lievitare ancora le rate dei mutui variabili, come se non bastasse la continua ascesa avvenuta negli ultimi mesi, e graverà su ogni famiglia che dovrà pagare le rate per circa 220,00 Euro all’anno.

Francamente speriamo che questa tendenza si possa invertire, e che le famiglie Italiane possano tirare un po’ il fiato e dedicare le loro risorse anche per i consumi, ma finchè non cambierà la politica monetaria sia negli USA che in area Eurolandia non sarà purtroppo possibile.

Al momento infatti tutti i paesi USA in testa, stanno cercando di uscire dallo spettro di una recessione che sembra già in atto, e se come qualche esperto dice, ancora siamo solo all’inizio, ne vedremo delle belle, sembra proprio che il tempo delle vacche grasse sia finito per tutti, si per chi concedeva prestiti a chi non aveva le necessarie garanzie, sia a chi li chiedeva sapendo poi di non poterli onorare.

Il calo del mercato immobiliare USA ha fatto il resto e chi aveva dato in garanzia il valore dell’immobile si è ritrovato con un valore molto inferiore e con le banche che gli pignoravano la casa senza tanti complimenti per rientrare del prestito fatto.