Red Bull: un futuro lontano dalla Formula 1?

Nel prossimo futuro la Formula 1 potrebbe dover fare i conti con diverse novità, che non riguarderanno soltanto l’inserimento di nuovi circuiti in calendario.

Le novità potrebbero infatti riguardare anche alcune entrate eccellenti nel Circus, legate al passaggio di mano da Bernie Ecclestone, che ha ceduto il “giocattolo” della Formula 1 agli americani di Liberty Media.

Ma il futuro potrebbe riservare anche una uscita di scena che se si dovesse concretizzare farebbe sicuramente molto rumore, ovvero quella della Red Bull. Come si vede c’è davvero molto che bolle in pentole e i prossimi mesi si preannunciano intensi non solo sui circuiti della Formula 1, ma anche nelle stanze ove si decide il futuro di questo sport.

Marchi storici presto in Formula 1?

Che la Formula 1 potrebbe in futuro accogliere alcuni marchi automobilistici storici, non è ormai un segreto per nessuno. Nella riunione informale che si è svolta a marzo in quel di Parigi non è assolutamente passata inosservata la presenza di esponenti di case automobilistiche di peso come Audi, Alfa Romeo e Volkswagen.

La loro partecipazione ha fatto aumentare esponenzialmente le voci secondo cui il momento in cui le attuali regole scadranno coinciderà con il loro ingresso nel mondo della Formula 1.

Liberty Media punta su nuovi marchi nel Circus

E sicuramente i nuovi proprietari della Formula 1 vedono positivamente la possibilità di un ingresso di queste case automobilistiche in un futuro prossimo, perchè senza dubbio un campionato con Audi, Volkswagen e Alfa Romeo attirerebbe moltissimo sponsor e pubblico. Tuttavia il futuro potrebbe riservare anche una defezione pesante da digerire, ovvero quella della Red Bull.

Una delle scuderie che ha dominato la Formula 1 degli ultimi anni ha infatti ufficializzato la possibilità di una sua uscita dalla Formula 1 in un prossimo futuro. Senza dubbio uno scenario del genere è tutto tranne che positivo, considerando l’importanza che la scuderia ha nell’economia del circus.

Il problema della fornitura dei motori

Ma come mai la Red Bull potrebbe decidere, in modo senza dubbio clamoroso, di abbandonare la Formula 1 nei prossimi anni?

A rilanciare tale possibilità è stato Helmut Marko, ovvero uno dei massimi rappresentanti della scuderia che ha reso Vettel un grande pilota. In una serie di dichiarazioni rilasciate nell’ultimo periodo, Marko ha più volte confermato come il 2021 sia la possibile deadline per una scelta sulla permanenza o meno della Red Bull in Formula 1.

Il motivo che potrebbe spingere la scuderia a lasciare le corse sta tutto nelle regole relative alla fornitura dei motori. La Red Bull infatti spinge perchè si opti per un fornitura indipendente, che porterebbe ad una semplificazione per quanto riguarda la loro struttura e ad una riduzione sensibile dei costi che le scuderie devono sostenere.

La Red Bull ritiene infatti che i costi legati ai motori siano assolutamente eccessivi e auspica un riduzione riguardo a tale aspetto. In caso contrario la Red Bull potrebbe anche lasciare la Formula 1, nonostante il budget praticamente illimitato di cui la scuderia dispone.

Insomma, il futuro della Formula 1 si presenta davvero ricco di incognite e dovranno essere i nuovi proprietari a cercare di far quadrare il cerchio, in modo tale che la Red Bull non decida per un passo indietro clamoroso.

Fonte: Formula 1 Sky