Nuove tecnologie: le app per denunciare i sinistri stradali

Ormai tutto si muove attorno alla tecnologia, basti pensare a quante applicazioni sono nate negli ultimi anni e quanto la nostra vita quotidiana sia agevolata da questi supporti. Ci sono app per preparare la lista della spesa, nei casi più tecnologici, queste liste sono direttamente collegate al frigorifero (ovviamente deve essere tecnologico anche lui) e si auto compilano in base a quello che sta esaurendosi o dei prodotti in scadenza. Ci sono app che ci dicono gli inci dei cosmetici, o che ci segnalano le calorie di un alimento, app per controllare i bambini alle scuole materne e per comunicare con gli insegnanti, insomma, tutto, ormai, ruota attorno allo smartphone ed è a portata di touch.

Le app per la denuncia dei sinistri

Non poteva ovviamente mancare un’app che facilita la denuncia di un sinistro alla propria assicurazione. In realtà diverse app nascono per questo scopo circa un paio di anni fa. Una delle prime, per esempio è stata Sa Free App, un’applicazione in grado di inviare in tempo reale tutti i dati necessari per la denuncia del sinistro alla propria compagnia di assicurazione. L’applicazione è stata ideata da Sicurezza e Ambiente ed è in grado di agevolare, nella maggior parte dei casi, gli automobilisti coinvolti in un incidente stradale.

Grazie a quest’app (e ovviamente anche alle altre disponibili) oggi non è più necessario compilare il vecchio modulo del CID. Basterà scattare delle foto del sinistro, compilare i campi richiesti e inviare tutto alla propria assicurazione.

Si può sempre utilizzare l’app per la denuncia del sinistro?

incidente.02Ovviamente l’app per denuncia di sinistro è utilissima, ma vi sono dei casi in cui, purtroppo, non può essere utilizzata o utilizzata con dei limiti. Uno di questi casi è quello in cui non vi sia un accordo tra gli automobilisti coinvolti nell’incidente. Se non c’è l’accordo non c’è nemmeno la compilazione del CID. Cosa fare quindi? Si può utilizzare l’app solo per inviare le foto dell’incidente all’assicurazione, sebbene, in caso di versioni nettamente contrastanti e di mancato accordo, la cosa sia decisamente più complicata.

Il consiglio in queste circostanze è quello di rivolgersi a un’avvocato per il risarcimento danni perché certe situazioni diventano complicate e difficili da gestire quando non si hanno le competenze necessarie.

Quali sono le migliori app per la denuncia dei sinistri

Come abbiamo appena detto Sa Free app è stata una delle prime a essere state immesse – gratuitamente – sul mercato. Un’altra molto utilizzata è l’app creata da Genialloyd, Esperto Incidenti, disponibile per Apple e Android. L’applicazione, in questo caso, fornisce una sorta di assistenza esperta, 24 ore su 24, 7 giorni su 7 che aiuta a gestire l’incidente a meglio. Non si tratta quindi solo di un modo per comunicare alla propria assicurazione il sinistro avvenuto, ma  un vero e proprio servizio di consulenza che diventa molto utile sia in caso si possa fare richiesta di risarcimento diretto sia in caso di sinistro all’estero.

Un’altra app è Pantaenius, compatibile per Android e iPhone, e che si può scaricare gratuitamente. Anche qui ci troviamo davanti a un’app che consente di comunicare tempestivamente con la compagnia assicurativa.