Consulenza aziendale: come migliorare la gestione d’impresa

Ogni imprenditore sa che affrontare le criticità amministrative e organizzative quotidiane è un compito difficile.

Ogni giorno si incontrano norme che cambiano e nuovi obblighi, ma emergono anche forme di incentivo. 
Mentre si è impegnati sul core business, ossia sul nucleo centrale della propria attività, è possibile che le opportunità sfuggano o che s’inciampi su qualche ostacolo inatteso.

Avvalersi di esperti che forniscano supporto per la gestione di temi più o meno specifici può essere un vantaggio, nel percorso di consolidamento dei processi aziendali in cui ogni imprenditore è impegnato.

Consulenza aziendale: un antidoto alla complessità quotidiana

La complessità organizzativa e gestionale delle imprese di oggi va governata con attenzione. Per poter esercitare il proprio controllo in serenità, l’imprenditore deve disporre di metodi e strumenti che gli consentano di essere informato in modo tempestivo e accurato su ciò che accade, che di ciò sia data una misurazione economica e che gli venga fornito adeguato supporto alle decisioni attraverso sintesi esplicative.


In aggiunta, le decisioni spesso non comportano risposte binarie, del tipo sì o no, ma richiedono lo sviluppo di successivi interventi e azioni correttive. 

La consulenza aziendale si inserisce in questo processo di conoscenza, intervenendo nella catena del valore d’impresa attraverso un catalogo di competenze organizzative, tecnologiche e finanziarie, orientate a integrare con successo il ruolo centrale dell’imprenditore.



L’arte dell’impresa è spesso concentrata in un nucleo ristretto di persone che detengono la “ricetta” del business e che su quello sono impegnate.

Tuttavia, le aziende si reggono su precisi modelli organizzativi, capaci di mettere tutte le risorse umane e tecnologiche in gioco, nella condizione di esprimere il massimo con disciplina, per raggiungere gli obiettivi di valore posti. È in questo ambito che agiscono i più efficaci consulenti d’impresa.

La consulenza aziendale e il miglioramento nel continuo



Il significato del termine consulenza è molto ampio e talvolta ha una portata più ampia rispetto a quanto sembri. Gli esempi al riguardo sono molteplici e tra i riferimenti online, Saltech Plus contiene alcuni spunti potenzialmente d’interesse.


Il ruolo del consulente è quello di intervenire sul campo con le proprie competenze gestionali per rimuovere situazioni critiche emergenti, assicurare processi efficienti all’interno di specifiche funzioni aziendali, monitorare il consolidamento organizzativo con attività di follow up o manutenzione.

È frequente che gli imprenditori si rivolgano a consulenti di fiducia per risolvere problematiche fiscali o regolamentari, per operazioni straordinarie in Italia o all’estero, o nel caso sia necessario eliminare situazioni di costo o frizione organizzativa indesiderate.

In questi casi, il consulente esperto adotterà un metodo strutturato di analisi e studio del problema, molto spesso combinando un intervento di raccolta di informazioni sul campo con valutazioni preparatorie.

Da ciò deriverà un pannello di soluzioni alternative che metteranno l’imprenditore in grado di scegliere il dispositivo più adatto alle proprie aspettative e alla propria realtà aziendale.

Integrare la propria squadra con una o più figure consulenziali, dotate di competenza e metodo, aiuterà l’imprenditore ad adottare i meccanismi di controllo e direzione delle attività che gli assicureranno un supporto decisivo per conseguire i propri obiettivi di business.