Prestiti alle imprese, cosa fare per ottenere prestiti agevolati

Prestiti alle imprese, cosa fare per ottenere prestiti agevolati

Quello che stiamo vivendo da qualche anno, ma ancor più oggi, è un periodo molto complicato per le aziende. La crisi economica che ha iniziato ad abbattersi su tutta l’Europa, per non dire del mondo intero, è destinata a lasciare tracce indelebili. Molte aziende che stanno cercando di risollevarsi, provano a ottenere un finanziamento a tasso agevolato, ma è davvero molto difficile che ci riescano. I prestiti alle imprese sono quasi inaccessibili, tuttavia, ci sono delle possibilità.

Prestiti alle imprese, perché oggi è difficile ottenerli

Il problema che si trova alla base della difficoltà di ottenere un prestito a tasso agevolato è la cruenta crisi che si è abbattuta sul nostro paese e che difficilmente ci lascerà, data la situazione corrente. La Banca d’Italia ha rilevato che meno del 5% delle piccole imprese riesce a ottenere un prestito agevolato o a fondo perduto.

Quello che si deve capire prima di andare in banca a chiedere un prestito è che ci sono delle condizioni che la banca stessa deve rispettare e che, naturalmente, deve applicare. Ci sono delle garanzie che devono essere richieste.

D’altro canto, ragionando dal punto di vista delle banche, le imprese che chiudono nei primi due anni di vita sono quasi il 90%, si capisce come sia complesso per loro discernere di quali si possano fidare e di quali no. Per quanto riguarda le imprese già consolidate, anche queste stanno attraversando un periodo molto difficile, quindi ricadiamo sempre nella condizione di dover capire quali imprese restituiranno il debito e quali, potenzialmente, no.

La banca, com’è facile immaginare, non vuole mai mettersi in una condizione di rischio, per cui farà tutti i debiti controlli e solo quando avrà la certezza che l’azienda sarà in grado di restituire il debito, potrà erogare un finanziamento.

Come fare ad ottenere il prestito agevolato

Prima di tutto bisogna avere l’atteggiamento giusto. Farsi vedere disperati, con l’acqua alla gola, che si pende dalle decisioni della banca, non aiuta di sicuro. L’atteggiamento corretto è quello di un imprenditore che non ha le spalle al muro, ma che vuole dialogare con la banca per un’operazione che potrebbe dare diversi vantaggi alla banca stessa.

C’è poi il problema delle garanzie. Queste sono indispensabili per poter ottenere un prestito aziendale agevolato. Ma come si fa a dimostrare delle garanzie che poi, di fatto, non si hanno? In primo luogo bisogna conoscere nel dettaglio quelli che sono gli aiuti offerti dallo Stato e quelli Comunitari dedicati specificatamente alle imprese, per poterli ottenere.

In questo modo si otterrà una garanzia statale gratuita da dare agli istituti finanziari. Naturalmente, questi, a fronte di un minor rischio, concedono i prestiti con più facilità e con tassi migliori.

Fare una buona impressione all’istituto bancario

Se tutto quello che abbiamo detto è importante, non di meno lo è anche il fatto di fare una buona impressione alle banche. In quali termini? Per esempio mostrandosi attenti alle problematiche ambientali.

Bisogna sfruttare a pieno la corrente degli incentivi per l’efficientamento energetico, mostrandosi rispettosi dell’ambiente e dei consumi. Ottenere il Bonus Imprese sarà un ulteriore passo verso l’ottenimento di un finanziamento a tasso agevolato.

Stesso discorso va fatto per quanto riguarda la banda larga. In questo modo si andrà a migliorare l’immagine stessa dell’azienda. Per lo stesso motivo va curata la propria immagine aziendale sul web, perché anche la brand reputation diventa un biglietto da visita importante per ottenere il finanziamento.

Purtroppo orientarsi in questo mare magnum delle agevolazioni e dei bonus non è facilissimo, conoscere tutti i cavilli e i dettagli richiede tempo e competenze. Se da soli è difficile riuscire a districarsi, è bene richiedere una consulenza di esperti che possano indicare la giusta direzione.