Guida alla scelta delle mascherine protettive

Guida alla scelta delle mascherine protettive
In tempo di coronavirus è bene conoscere bene i dispositivi di protezione che andremo ad utilizzare, la durata e le circostanze in cui è bene dotarsi di una mascherina piuttosto che di un’ altra.    

MASCHERINE USA E GETTA

  Le mascherine protettive usa e getta possono essere acquistate nelle farmacie, nei negozi per la casa, così come in molti supermercati, edicole e tabaccherie. La variante più comune dei prodotti usa e getta è la mascherina chirurgica. Secondo le ultime ricerca il tempo di utilizzo di questa mascherina è limitato e va da un’ora fino a poche ore. Trascorso tale tempo la mascherina chirurgica dovrebbe essere gettata e sostituita. Questo tipo di maschera è realizzato in polipropilene non tessuto. Anche se il produttore ha utilizzato più strati, la mascherina chirurgica assorbe rapidamente l’umidità, il che la rende inadatta per l’uso a lungo termine. Vale la pena sottolineare qui che le maschere chirurgiche di base sono solo una barriera fisica contro la contaminazione e proteggono maggiormente le persone che ci stanno intorno piuttosto che chi le indossa. In commercio si possono trovare anche maschere usa e getta con speciali cartucce filtranti che non solo costituiscono un blocco fisico nei confronti dei virus ma puliscono anche l’aria che respiriamo. Tuttavia sono ancora monouso. Le maschere chirurgiche non sono gli unici prodotti che possiamo inserire nella categoria usa e getta. Dovrebbero essere menzionate anche le maschere antipolvere protettive. Sono principalmente utilizzati per proteggere le labbra e il naso dall’ingresso di polvere, sporco e vari prodotti chimici. Per questo motivo, i lavoratori edili e gli artigiani indossano principalmente questo tipo di maschere che non sono dispositivi medici ma sono state a lungo utilizzati per sopperire alla mancanza di altro genere di mascherine a inizio pandemia. I prodotti usa e getta, per la loro struttura, lasciano entrare molta aria e si dimostrano quindi una buona opzione durante le attività fisiche e durante il caldo afoso dell’estate. Ovviamente dobbiamo ricordarci di buttarli via dopo ogni utilizzo.    

Mascherine riutilizzabili

  Passiamo ora ai prodotti riutilizzabili. A causa del modo in cui sono fatte queste maschere non deve essere gettata via dopo ogni utilizzo. Possiamo lavarle e disinfettarle. Sono disponibili in commercio in diverse varietà a seconda del diverso filtraggio offerto dal dispositivo:
  • Mascherine FFP1 – Forniscono il livello di protezione più basso. La maschera protegge bocca e naso trattenendo le particelle di grandezza uguale o superiore a 1 μm (il micrometro corrisponde a un milionesimo di metro)
  • Mascherine protettive FFP2 – vengono trattenute particelle con un diametro da 0,5 a 1 μm,
  • Mascherine facciali FFP3 : le migliori maschere filtranti che garantiscono la ritenzione di particelle con una media di 0,3-0,5 μm.
Nella categoria dei prodotti riutilizzabili troverai anche maschere facciali fatte a mano. Di solito sono cucite con cotone, senza filtro. Questi tipi di prodotti sono più costosi, ma durano più a lungo. Non dobbiamo buttare via la maschera antivirus riutilizzabile, basta lavarla. Dobbiamo ricordarci di lavare la maschera in cotone dopo ogni utilizzo ed è necessario passarla sotto l’acqua ad una temperatura di almeno 60 gradi per eliminare ogni possibile batterio. Per quanto riguarda le maschere filtranti protettive, dobbiamo ricordarci di disinfettare o sostituire regolarmente il filtro. A tale scopo vengono utilizzati liquidi speciali per lavare il filtro e tutta la mascherina.  

Quale mascherina scegliere?

  In conclusione come scegliere le mascherine protettive? Scegli una maschere usa e getta se non vuoi lavarla, asciugarla e disinfettarla regolarmente. Ogni maschera usa e getta può essere smaltita immediatamente dopo l’uso e quindi non dobbiamo preoccuparci della sua manutenzione. Questo tipo di prodotto funziona bene anche durante l’attività fisica perché generalmente lasciano passare più aria. Opta invece per maschere riutilizzabili se hai modo di prenderti cura della loro manutenzione evitando di dover acquistare un gran numero di maschere usa e getta. I prodotti riutilizzabili possono essere lavati, asciugati e riutilizzati consentendo anche, a lungo andare, un notevole risparmio economico. Tali maschere per la bocca e il naso sono disponibili anche in molte varianti di colore, quindi possono diventare capi di abbigliamento permanenti. Non possiamo dimenticare che sul mercato troveremo inoltre molte maschere riutilizzabili con filtri pulenti che aumentano notevolmente il livello di protezione. Questa soluzione può essere ideale anche dal punto di vista dell’inquinamento e dell’impatto ambientale evitando di dover smaltire un gran numero di maschere usa e getta.