Quali sono gli esercizi per allenare la mente?

Sono numerose le ricerche scientifiche che hanno dimostrato che allenare la mente ogni giorno aiuta a ritardare il cosiddetto invecchiamento celebrale. Certo è che allenare la mente non vuol dire diventare più intelligenti ma semplicemente riuscire a sfruttare al meglio le proprie capacità, approfondire le potenzialità di cui tutti siamo dotati e allenarsi in quelli che sono i collegamenti elementari. Come allenare la memoria, eseguendo specifici esercizi si migliora la propria capacità mnemonica ma non si aumenta la memoria. Da un punto di vista pratico allenare la mente è molto più semplice rispetto all’andare in palestra, non serve alcun attrezzo o strumento specifico, basta la persona che desidera effettuare tale allenamento e il mondo che lo circonda. Alcuni esercizi infatti possono essere svolti in ogni luogo ed in qualsiasi momento della giornata. Ecco alcuni esercizi per allenare la mente.

Scrivi con la mano inversa

La scrittura è una delle attività più complesse in quanto richiede un’attività di concentrazione estremamente elevata. Per riuscire a scrivere con la mano non dominante tale richiesta di concentrazione è ancora maggiore, si hanno quindi stimoli enormi sulle sinapsi che si alleneranno in maniera costante e soprattutto proficua.

Inibire un senso

La memoria ed in particolare la mente sfruttano moltissimo la vista, così tanto da far spegnere tutti gli altri sensi. Svolgere delle attività quotidiane con gli occhi chiusi può essere molto utile per potenziare proprio questi ultimi. Un esempio è quello di fare la doccia con gli occhi chiusi, si avrà una maggiore percezione dell’acqua e delle spugna sul corpo, degli odori del bagnoschiuma ma anche del semplice rumore che le gocce provocano sulla ceramica. Queste esperienze inoltre sono molto rilassanti oltre che utili.
Allo stesso modo un esercizio molto utile è quello ce prevede di riconoscere alcuni oggetti utilizzando semplicemente le mani. Questo gioco viene fatto fare anche ai bambini dell’asilo poiché l’incertezza dell’oggetto che si sta per toccare insieme al carattere giocoso dell’azione stimolano moltissime sensazioni nel cervello che riuscirà così ad analizzarle una ad una. Questo genere di esperienza rappresenta un esercizio per la mente di grandissimo valore.

Utilizzare i numeri

I numeri sono una delle cose che l’essere umano conosce meglio, contare è semplicissimo ed è un’azione che tutti svolgono, ormai meccanica, ma contare al contrario no. Per questo può essere molto utile spingere il cervello a svolgere azioni inconsuete con i numeri come le moltiplicazioni a due cifre, che imponendo il riporto, aiutano a ricordare.

Guardare le cose da un altro punto di vista

Riconoscere gli oggetti soprattutto se oggetti di uso comune è un’azione che tutti riescono a svolgere. Guardarli però da un’altro punto di vista permette al cervello di soffermarsi su particolari, pattern, colori e forme diversi dal solito. Questo esercizio, banale ma produttivo, può essere davvero funzionale per stimolare una maggiore concentrazione.