Bagni per disabili e barriere architettoniche

Bagni per disabili e barriere architettoniche

Il bagno è da sempre un luogo dove le barriere architettoniche sono presenti in grande quantità e molto spesso impediscono a una persona che soffre di problemi di mobilità di dover fare i conti con una serie di difficoltà.

Generalmente queste barriere sono rappresentate da:

  • sanitari poco confortevoli;
  • ambienti molto stressi;
  • mancanza di strumenti adeguati per facilitare i movimenti della persona disabile;
  • assenza di strumenti per la richiesta di aiuto qualora questa fosse strettamente necessaria per il disabile.

Tutti questi elementi non fanno altro che rendere il bagno un luogo meno confortevole e quindi poco utile alla persona che soffre di disabilità che, magari, avrebbe bisogno di un luogo maggiormente semplice da sfruttare.

I bagni per disabili permettono, alle persone che soffrono di disturbi di mobilità, non solo di abbattere le barriere architettoniche ma, allo stesso tempo, offrono l’occasione di rendere la vita di queste persone migliore sotto ogni punto di vista. Il bagno progettato appositamente per i disabili – spesso accompagnati dagli opportuni ausili – sono quelli che:

  • consentono a queste persone di usufruire del bagno senza richiedere aiuto di figure esterne;
  • offrono l’opportunità di far sentire maggiormente indipendente la persona che soffre di questi disturbi di mobilità;
  • fanno in modo che il bagno sia privo di barriere architettoniche di ogni genere;
  • prevengono la mancanza di elementi funzionali che rendono il bagno poco accessibile per queste persone.

Pertanto la progettazione di un bagno per disabili rappresenta la soluzione ideale che potrà essere sfruttata e che ha uno scopo ben preciso, ovvero evitare che possano nascere situazioni poco semplici da dover affrontare e che mettono a disagio la persona disabile.

Per rendere il bagno maggiormente confortevole e pratico per le persone disabili si possono sfruttare svariati oggetti come, per esempio:

  • maniglioni che consentono a queste persone di potersi alzare da un sanitario e muoversi nella stanza in totale autonomia;
  • sedili che permettono ai disabili di potersi alzare dai sanitari dopo averli sfruttare;
  • rendere una semplice doccia migliore e priva di barriere architettoniche che possono essere sinonimo di disagio per i disabili;
  • strumenti che garantiscono la richiesta di aiuto, ovvero campanelli e altri, grazie ai quali il disabile potrà contattare una persona al suo esterno per richiedere assistenza.

Tutti questi oggetti devono essere scelti prendendo in considerazione la qualità dei materiali, la loro semplicità di utilizzo, la resistenza e soprattutto devono essere introdotti in maniera tale che gli stessi articoli non vengano visti come strumento di offesa e umiliazione, ma come semplice aiuto per rendere la vita a queste persone migliore sotto ogni ottica.

Affinché un bagno possa essere progettato in maniera perfetta e possa essere reso maggiormente funzionale, sarà possibile far ricadere la propria scelta su una serie di articoli tutti differenti tra di loro e di prima qualità come quelli che vengono proposti da parte dell’azienda Sanort, che permette di ottenere un risultato finale di prima qualità, ovvero rimuovere tutte le differenti barriere architettoniche che possono essere presenti all’interno del bagno di casa propria e rendere la vita del disabile meno semplice da affrontare.