L’importanza delle quote nelle scommesse

L’importanza delle quote nelle scommesse

Potremmo pensare che tutto sommato un bookmaker vale l’altro, che l’importante è indovinare le giocate.

Non potremmo essere più lontani dalla verità.

Perché facendo le stesse identiche giocate con le stesse identiche somme, potremmo perdere soldi con bookmaker è vincerne con un altro.

Facciamo un semplicissimo esempio.

Prendiamo tre eventi e puntiamoci € 10.

Un bookmaker li offre a quota 1,8 e un altro a quota 2,2.

Quattro decimali di differenza non sembrerebbe uno scarto enormeVediamo però cosa succede se indoviniamo 2 eventi su 3Facciamo un semplicissimo esempio.

Prendiamo tre eventi e puntiamoci € 10.

Un bookmaker li offre a quota 1,8 e un altro a quota 2,2.

Quattro decimali di differenza: non sembrerebbe uno scarto enorme.

Vediamo però cosa succede se ordiniamo 2 eventi su tre.

Col primo bookmaker otteniamo € 10 per la quota 1,8 * 2 eventi quindi € 36 meno però i € 10 della scommessa persa.

Abbiamo così € 26: perdiamo quattro euro rispetto ai 30 che avevano investito.

Col secondo bookmaker otteniamo € 10 perde quota 2,2 * 2 eventi quindi € 44, meno però i € 10 della scommessa persa.

Siamo € 34: abbiamo guadagnato quattro euro!È non abbiamo fatto nulla di diverso rispetto al primo bookmaker, semplicemente il secondo ci offriva quote migliori.

Beh, è facile allora, no? Scegliamo il bookmaker con le quote migliori e scommettiamo sempre con quello.

È invece non è così facile.

Diamo un’occhiata alle quote dei tre bookmaker italiani di cui vediamo la foto a fondo pagina il primo famosissimo anche sponsor di una importante scuola di calcio italiano.

Con così tanta pubblicità sarà probabilmente molto competitivo, no? E invece in questo caso fra le quote peggiori.

Il secondo bookmaker invece offre quote migliori per il pareggio 5,60 e per la vittoria degli Stati Uniti 13.

Il terzo infine offre una quota migliore per la vittoria della Spagna 1,27.

La lezione da trarre semplice: scegliamoci più di un bookmaker sfruttiamo le quote migliori.

Non apriamo tante tante, perché distribuire troppe risorse rischia di lasciarci con pochi soldi su ogni bookmaker.

Non accontentiamoci però neanche di un solo conto: rischiamo, come abbiamo visto nell’esempio di prima, di perdere denaro anche usando strategie che su altri bookmaker ci avrebbe dato un profitto.

Bene questi consigli scommesse ci fanno capire l’importanza delle quote calcistiche e delle variazioni quote nell’autonomia di un pronostico.

Proprio perchè conosciamo l’importanza di questo fatto nella determinazione del migliore sito scommesse abbiamo considerato fondamentale questo aspetto.

Certo la nostra valutazione è effettuata su una media ma su questa media il sito di scommesse selezionato è risultato molto costante.