Viaggiare in traghetto: vantaggi e svantaggi

Viaggiare in traghetto ha i suoi pro e i suoi contro, come tutte le esperienze della vita.

Una traversata in traghetto può essere un’emozionante avventura e un modo comodissimo per spostarsi per mare con la propria auto al seguito, ma può anche rivelarsi un’esperienza disastrosa.

I vantaggi del traghetto

Viaggiare in traghetto permette di attraversare tratti di mare con la propria auto.

Si tratta di un vantaggio non indifferente, perché permette di portarsi il proprio veicolo su un’isola o presso una destinazione lontana.

Questo si rivela un notevole risparmio economico e una grande comodità rispetto a dovere noleggiare un’auto nel luogo di destinazione.

Un viaggio in nave offre anche panorami e scorci impossibili da osservare via terra e può essere un’esperienza divertente, soprattutto per chi si sposta con i bambini.

Durante i viaggi più lunghi è anche possibile prenotare una cabina.

Anche sui traghetti più economici queste presentano tutti i comfort necessari.

Utilizzare il traghetto permette di raggiungere destinazioni, come alcune isole del Mediterraneo, dove non si trova un aeroporto e che ovviamente non si possono raggiungere con i mezzi di terra.

I lati negativi dei traghetti

Spostarsi in traghetto ha anche dei lati negativi e degli svantaggi di cui è necessario tenere conto.

I tempi di percorrenza sono sempre abbastanza lunghi, sia a causa dei tempi di partenza e di attracco e della velocità non troppo sostenuta che deve mantenere l’imbarcazione.

Questo può rappresentare un problema soprattutto sulle tratte più lunghe, dove aereo, treno o la semplice automobile si rivelano molto più veloci, ammesso che la destinazione sia raggiungibile via terra o dotata di un aeroporto.

Le condizioni climatiche inoltre non vanno sottovalutate.

Un semplice temporale o un forte vento possono ingrossare il mare rendendo più difficile la navigazione e rendendo il viaggio una piccola odissea, soprattutto per chi soffre il mal di mare. 

Affrontare un viaggio in traghetto

Partire in traghetto ha numerosi vantaggi e svantaggi.

Il ponte e il bar della nave sono luoghi dove è molto facile socializzare, conoscere i propri compagni di viaggio o semplicemente scambiare due chiacchiere.

Gli altri passeggeri possono essere anche una fonte di problemi, soprattutto se si viaggia in poltrona o sul ponte, senza poter contare su una cabina.

Gli spazi ristretti e il gran numero si passeggeri, soprattutto d’estate, possono indispettire chi ama la propria privacy.

L’affollamento può essere un grave problema anche per le operazioni di imbarco e sbarco, che sulle imbarcazioni più grandi possono durare anche delle ore.

Il traghetto regala momenti unici, come l’emozione di vedere la costa avvicinarsi o assistere ad un tramonto in mare aperto, ammesso che il cielo non sia coperto e non ci si trovi costretti a passare il viaggio all’interno a causa della pioggia o del freddo.

In questo caso una cabina senza oblò può rivelarsi un vantaggio economico ma un grande svantaggio per il gusto del viaggio, soprattutto per chi soffre i viaggi in mare.