Visitare Torino, i luoghi da non perdere: tra magia e storia

Visitare Torino, i luoghi da non perdere: tra magia e storia

Visitare Torino in pochi giorni? La città che incontra la magia bianca e la magia nera, tra storia millenaria e leggende offre tantissimi volti ai suoi turisti. Ecco che cosa non perdere quando si viaggia a Torino.

Che cosa vedere a Torino?

Torino è una delle città più ricche di leggende e storia in tutta Italia. I suoi luoghi sono caratterizzati da una architettura particolare che spesso e volentieri si contrappone con il dinamismo di una città sempre pronta ad affrontare il futuro. Gallerie d’arte, negozi, vicoli, gioielli dell’architettura, cibo unico e vini da scoprire.

Dalla Mole Antonelliana sino a Piazza Castello, quali sono i luoghi da non perdere quando si visita Torino?

  • Mole Antonelliana

È il simbolo indiscusso della città di Torino che si erge fiera e spicca da ogni parte che si guarda, mentre si cammina sotto i portici o sul lungo fiume. La sua costruzione è stata iniziata nel 1863 per essere utilizzato come tempio israelitico poi ceduto al comune pochi anni dopo dedicandolo al Re Vittorio Emanuele II.

Una costruzione veramente singolare, con il suo sviluppo in verticale di 167 metri di altezza ma su base quadrata con una cupola cuspidata che termina con una statua del genio alato. Nel 1905 viene sostituita con una stella a cinque punte. È inoltre caratterizzato da un ascensore che ha le pareti completamente trasparenti che consente di raggiungere il tempietto ad una altezza di 85 metri dove poter ammirare il panorama di Torino.

Al suo interno c’è la sede del Museo Nazionale del Cinema, unico in tutta Italia con collezioni che offrono agli utenti un viaggio attraverso il tempo e la storia proprio del Cinema.

  • Piazza Castello

Una piazza che rappresenta il fulcro della città di Torino e dove ogni persona per un attimo si perde attraverso le sue indiscutibili bellezze.  La vita della città si sviluppa qui e tutto intorno, grazie alle botteghe e i locali che animano la città. Progettata nel 1584 per volere del Duca Carlo Emanuele I è attorniata dai portici su tre lati facendo da conice al Palazzo Reale – Palazzo della Giunta Regionale – Palazzo del Goveno – Palazzo Madama – Antico Castello e con i suoi monumenti che sono dedicati ai cavalieri d’Italia nonché ad Emanuele Filiberto Duca di Savoia.

Da qui partono le quattro grandi vie della città ovvero Via Roma – Via Garibaldi – Via Po e Via Pietro Micca.

  • Duomo di Torino

Il Duomo è stato dedicato San Giovanni Battista che è il Santo Patrono della città di Torino. È stato costruito tra il 1491 e il 1498 per volere del cardinale della Rovere. In stile prettamente rinascimentale che presenta una facciata in marmo bianco che si aprono su portali decorati. Un interno molto particolare con la croce latina e le navate che racchiude gli elementi gotici.

Qui erge la cappella della Sacra Sindone che è destinata a proteggere il sudario in cui sarebbe stato avvolto il corpo di Gesù e che è stata gravemente danneggiata durante un incendio nel 1997. La Sindone oggi è in posizione distesa all’interno di una teca a tenuata stagia che è collocata sotto la tribuna reale.

  • Parco del Valentino

Nel cuore della città il Parco del Valentino che racchiude il cuore pulsante dove camminare, correre o trascorrere una giornata di relax. Al suo interno sorge una riproduzione di un Borgo Medievale con lo splendido Castello oggi Patrimonio dell’Umanità Unesco vista la sua rara bellezza. Il Castello oggi è sede della Facoltà di Architettura del Politecnico così come altre costruzioni che si trovano lungo e fuori dal parco. Il Borgo fa parte di una riproduzione per rimettere in vita una particolare porzione della città del ‘400 con botteghe – viuzze – ponte levatoio e la Rocca.